Download e-book for kindle: Dal big bang ai buchi neri. Breve storia del tempo by Stephen W. Hawking ; introduzione di Carl Sagan ;

By Stephen W. Hawking ; introduzione di Carl Sagan ; illustrazioni di Ron Miller ; traduzione di Libero Sosio

Show description

Read Online or Download Dal big bang ai buchi neri. Breve storia del tempo PDF

Best astrophysics & space science books

Read e-book online A Scientific Autobiography: S. Chandrasekhar PDF

S Chandrasekhar, popularly referred to as Chandra, used to be one of many premiere scientists of the twentieth century. The 12 months 2010 marks the delivery centenary of Chandra. His specific variety of learn, inward sure, looking a private standpoint to grasp a selected box, after which move directly to one other was once so certain that it'll draw enormous curiosity and a spotlight between students.

Asteroseismology of Stellar Populations in the Milky Way - download pdf or read online

The detection of radial and non-radial solar-like oscillations in hundreds of thousands of G-K giants with CoRoT and Kepler is paving the line for designated experiences of stellar populations within the Galaxy. The on hand standard seismic constraints permit principally model-independent choice of stellar radii and lots more and plenty, and will be used to figure out the location and age of hundreds of thousands of stars in numerous areas of the Milky approach, and of giants belonging to open clusters.

Extra resources for Dal big bang ai buchi neri. Breve storia del tempo

Example text

Finalmente, in 1915, propose quello che oggigiorno si conosce come teoria della relatività generale. Einstein fece il suggerimento rivoluzionario che la gravità non è una forza come le altre, ma è una conseguenza che lo spazio-tempo non sia piano, come previamente si era supposto: lo spazio-tempo è ricurvo, o "deformato", per la distribuzione di massa ed energia in lui presenti. I corpi come la Terra non stanno forzati a muoversi in orbite curve per una forza chiamata gravità; invece di questo, essi seguono la traiettoria più simile ad una linea retta in un spazio curvo, cioè, quello che si conosce come un geodesico.

Nel primo modello di Friedmann, lo spazio è giusto come questo, ma con tre dimensioni invece di con due, come succede con la superficie terrestre. La quarta dimensione, anche il tempo, ha un'estensione finita, ma è come una linea con due estremi o antistanti, un principio ed un fine. Si vedrà più avanti che quando si accorda la relatività generale col principio di incertezza della meccanica quantica, è possibile che ambedue, spazio e tempo, siano finiti, senza nessun tipo di bordo o frontiera. L'idea che potrebbe andare via on-line retta attorno all'universo e finire dove si incominciò è buona per la fantascienza, ma non ha troppa rilevanza pratica, perché può verta che l'universo collasserebbe di nuovo a volume zero prima che potesse completarsi un giro intero.

Uno dovrebbe viaggiare più rapido della luce, quello che è impossibile, per potere ritornare al punto di partenza prima che l'universo avesse un fine. Nel primo tipo di modello di Friedmann, quello che si espande primo e dopo collassa, lo spazio è ricurvo su sé stesso, come la superficie della Terra. È, pertanto, finito in estensione. Nel secondo tipo di modello, quello che si espande per sempre, lo spazio sta curvato al contrario, cioè, come la superficie di una sella. Così, in questo caso lo spazio è infinito.

Download PDF sample

Rated 4.68 of 5 – based on 31 votes